ASSOCIAZIONE “siAmo la Sicilia”.

Sharper 2018, a Palermo la Notte europea dei ricercatori, dal 24 al 28 settembre 2018

Sharper (Sharing Researchers’ Passion for Engagement and Responsibility) è il nome della Notte Europea dei Ricercatori, che si è tenuta venerdì 28 settembre simultaneamente in 11 città italiane (Ancona, Cagliari, Catania, L’Aquila, Macerata, Napoli, Nuoro, Palermo, Pavia, Perugia, Trieste) per raccontare la passione, le scoperte e le sfide dei ricercatori di tutta Europa attraverso mostre, spettacoli, concerti, giochi, conferenze e iniziative rivolte al grande pubblico.

b03e5ff0 bd19 11e8 81c9 1b431fd718bc rimg w502 h296 dc171717 gmir
La manifestazione è stata ospitata a partire dalle 19 alle 24 del 28 settembre all’Orto Botanico (via Lincoln, 2) del Sistema Museale di Ateneo (SiMuA) dell’Università degli Studi di Palermo, ma anche al Museo di Zoologia “P. Doderlein”, da Ballarak Magione, all’Ex Mulino Sant’Antonino ed ai Cantieri Culturali Alla Zisa. Sharper ha coinvolto tutti i cittadini nella scoperta del mestiere di ricercatore e del ruolo che questo svolge nel costruire il futuro della società attraverso l’indagine del mondo basata sui fatti, le osservazioni e l’abilità nell’adattarsi e interpretare contesti sociali e culturali sempre più complessi e in continua evoluzione. Nell’edizione 2018 particolare attenzione è stata riservata ai collegamenti con l’Anno Europeo del Cultural Heritage nell’approccio multidisciplinare che caratterizza da sempre Sharper.


Ricordiamo che Sharper è un progetto europeo cofinanziato dalla Commissione Europea nel quadro delle Azioni Marie Sklodowska - Curie del programma Horizon 2020 - GA 722981 ed è uno dei progetti selezionati in Italia dalla Commissione. Si tratta di un progetto interregionale, coordinato da Psiquadro, in collaborazione con un consorzio di partner che comprende l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), l’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), L’Università di Palermo, l’Università degli Studi di Perugia, l’Università Politecnica delle Marche, il museo Immaginario Scientifico di Trieste e il centro di ricerca Observa Science in Society e coinvolge un ampio partenariato di oltre un centinai fra enti culturali, comuni, istituti di ricerca, università, imprese e associazioni.
L’Università degli Studi di Palermo ha partecipato coordinando un gruppo formato dai propri Dipartimenti, dal Consorzio ARCA, dall’AIRC, dal CNR-Palermo (Istituto di Biomedicina e Immunologia Molecolare, Istituto per lo Studio dei Materiali Nanostrutturati, Istituto di Biofisica), dall’Istituto Nazionale di Astrofisica – Osservatorio Astronomico di Palermo, dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, dall’istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica, dalle associazioni PalermoScienza, GEODE, Natura Vivente, AstridNatura, la Fondazione Ri.MED – ISMETT.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il nostro sito utilizza i cookies per offrire la migliore esperienza di navigazione

Utilizzando il presente sito web l'utente accetta questo uso di cookie.