ASSOCIAZIONE “siAmo la Sicilia”.

PIU’ BONUS PER TUTTI!


REGIONE SICILIANA: I DIRIGENTI? TUTTI PROMOSSI. INCREDIBILE! Bonus da circa 6.000 euro.
In Sicilia pare ci sia una casta di semidei, in Regione, dotata del dono dell’infallibilità.

69312092 1167776266744728 4990190521172361216 n
I dirigenti generali della Regione, infatti, sono stati promossi a pieni voti e .... bonus per tutti. La giunta di governo ha approvato la “Relazione sulla performance 2018” che dà diritto a un’indennità suppletiva media di circa 6.000 euro. Un vero … tripudio all’eccellenza e all’efficienza, come riporta qualche autorevole testata giornalistica regionale. Anche se le valutazioni individuali dei dirigenti risultano concluse al 72,34 per cento.
Tra i dirigenti generali è passato finora dalle “forche caudine” dei test solo uno su 34 ma a pieni voti 100% di performance. Cento e lode anche per gli altri 8 dirigenti su 8 di seconda fascia, che conquistano tutti un 100% alla voce efficienza. Così come gli 888 dirigenti di terza fascia finora valutati su un totale di 1.198. Nessuno tra questi prende meno di 70/100, solo un paio si attesta tra il 71 e il 76, nove si meritano pagelle da 8, e 38 hanno voti tra l’ 8 e il 9. Per il resto …. tutte eccellenze: in 839 (ovvero il 94,54 per cento) si guadagna una valutazione che oscilla tra il 9,1 e il 10.
Quindi la classe dirigente della Regione è promossa a pieni voti: 848 burocrati su 897 sono valutati tra il 9 e il 10, mancano all’appello gli scrutini di 343 dirigenti ma la strada è segnata.
E’ singolare …. perché non più tardi di tre anni fa, sulla base del rapporto Eqi (European quality index) stilato dalla Commissione europea, la rielaborazione del rapporto vergata dalla Cgia di Mestre bollò la pubblica amministrazione dell’Isola come tra le peggiori d’Italia e delle regioni europee (185° posto su 206 – e i cittadini non possono che confermare).
Dai vertici della Regione non si nasconde ….. la profonda insoddisfazione per “un metodo di valutazione ideato dodici anni fa” e …. non proprio perfetto che la giunta ha deciso di lasciarsi alle spalle. Il nuovo metodo di scrutinio approvato a marzo e messo a punto dall’Assessorato alla Funzione Pubblica entrerà in vigore da gennaio del 2020. E prevederà un ingrediente fondamentale: il parere dei cittadini per i servizi fruiti. “Non sarà più sprecato un euro, se non sarà meritato”, fanno sapere dall’Assessorato.
Intanto pero’….. incassano.
Le Siciliane e i Siciliani osservano e faranno tesoro di tutto questo. E se lo ricorderanno alle prossime elezioni. Statene certi.
Noi esprimiamo il nostro sconcerto e ci faremo portavoce di questa e di innumerevoli tante altre “anomalie” che interessano la nostra amata Sicilia.
La Sicilia ha bisogno di un radicale cambiamento.
siAmo la Sicilia

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il nostro sito utilizza i cookies per offrire la migliore esperienza di navigazione

Utilizzando il presente sito web l'utente accetta questo uso di cookie.