ASSOCIAZIONE “siAmo la Sicilia”.

PALERMO UN ALTRO GIORNO DI ORDINARIA FOLLIA PER IL TRAFFICO.
Questa volta Red Bull…non ha messo le ali alle migliaia di automobilisti rimasti bloccati nel traffico.
UNA CITTA’ MERAVIGLIOSA IN MANO A DEGLI INCOMPETENTI.

5

Siamo felici che la nostra meravigliosa Città venga scelta, ancora una volta, come palcoscenico per riprese pubblicitarie e/o cinematografiche ma…
A Palermo c’è sempre un ma…
E da stamattina siamo sommersi da decine di segnalazioni di nostri simpatizzanti e associati che sono rimasti per ore imbottigliati nel traffico e che hanno documentato la difficoltà anche di mezzi di soccorso rimasti prigionieri o che si sono mossi con estrema difficoltà per le strade cittadine.
A mandare letteralmente in tilt il traffico (già messo a dura prova da cantieri eterni e secolari, da transenne e interruzioni distribuite ovunque) sono state le riprese del video “From Sicily to Monza”.
Scene di ordinaria follia: centinaia e centinaia di automobilisti bloccati sotto il sole cocente dalla Stazione Centrale a Via Sampolo, Via Libertà, Via Roma, Via Francesco Crispi e nella zona dell’Università.

6

Insomma un blocco totale che doveva e poteva essere evitato e non certamente con la sola inutile abolizione per un giorno della ZTL Centrale, che appare quasi grottesca.
Gravissima la circostanza di diversi mezzi di soccorso, tra cui ambulanze, rimaste bloccate nel traffico sotto temperature equatoriali.
Non comprendiamo il perché non si siano spostate le riprese in giornate festive avvisando la popolazione con largo anticipo e creando percorsi alternativi.
Se non c’è scappato il morto è stata solo questione di fortuna.
Onestamente le dichiarazioni dell’assessore al traffico Giusto Catania e del Sindaco Orlando lasciano esterrefatti. Nessuno vieta l’importanza dell’evento ma, ancora una volta, si registra il fallimento dell’Amministrazione Comunale che non ha saputo organizzare le cose in maniere di evitare disastri e disagi.
Leoluca Orlando ha dichiarato: Lo spot di un notissimo marchio che ha una grande visibilità globale, contribuirà a diffondere nel mondo l'immagine della città di Palermo e certamente avrà effetti positivi sull'economia e sul turismo. Per questa ragione abbiamo accolto la richiesta di una casa automobilistica di F1, consapevoli dei disagi che avrebbe creato alla città e alla sua circolazione veicolare. Spiace che questa iniziativa abbia temporaneamente arrecato danni alla mobilità urbana ma gli effetti positivi, nel tempo, saranno moltiplicati"(!).
E Giusto Catania, si legge su Palermo Tokay:” il traffico è la conseguenza di una scelta turistica"(!).
Non si doveva e non si poteva chiudere un pezzo di Città in un giorno non festivo: anche un bambino avrebbe previsto che ci sarebbero stati migliaia di persone bloccate nelle loro auto sotto il sole cocente e le temperature incredibilmente alte di questi giorni. Una Città in ginocchio, paralizzata, decine e decine di persone bloccate alle fermate degli autobus, cittadini e turisti sbalorditi di fronte ad un disastro di proporzioni enormi. Pensate al danno d’immagine delle tante foto immortalate dai numerosi visitatori della nostra Città che faranno il giro del mondo: altro che visibilità e promozione turistica!!
Questa Città si promuove da sola: ha solo bisogno di essere amministrata da persone sane e competenti e non da apprendisti stregoni.
siAmo la Sicilia

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il nostro sito utilizza i cookies per offrire la migliore esperienza di navigazione

Utilizzando il presente sito web l'utente accetta questo uso di cookie.