ASSOCIAZIONE “siAmo la Sicilia”.

UN’ALTRA FOLLIA TUTTA SICILIANA.


 LA LEGGE PARADOSSO SUI PRECARI. STOP ALLE ASSUNZIONI, MA SE C’È BISOGNO IL DIVIETO SALTA.
PRECARI, PRECARI, PRECARI ….. ANCORA PRECARI

precari

Nuova vergogna tutta siciliana: è il terzo dell’articolo 3 del ddl 1278, spedito a Sala d’Ercole che consente alle pubbliche amministrazioni, in deroga, di instaurare nuovi “rapporti di lavoro flessibile”.
La politica si prepara ad approvare una schifezza. Nel ddl sui precari esitato dalle commissioni parlamentari è stata aggiunta una appendice che, di fatto, apre a nuove assunzioni con contratti di lavoro flessibile,  che potranno essere sottoscritti dalla Regione, dai Comuni, nella Sanità.

images
Da un lato non si riesce a dare un futuro certo alle migliaia di precari che attendono una stabilizzazione da decenni, dall’altro Governo e Ars, pensano di creare nuovo precariato.

sicilia 675
Il passaggio in questione è il comma 3 dell’articolo 3 del ddl 1278 (Disposizioni in materia di Autonomie locali e per la stabilizzazione del personale precario), nella versione spedita a Sala d’Ercole dalle Commissioni competenti che recita: “In deroga alle disposizioni di cui al presente comma, qualora tra il personale con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato di cui al presente articolo non siano presenti figure professionali necessarie all’espletamento delle funzioni e dei servizi istituzionali, le amministrazioni interessate possono instaurare rapporti di lavoro flessibile”.

Questa norma si poteva e doveva evitare. Non si farà altro che creare nuovi precari che entreranno nei Comuni e poi andranno avanti di proroga in proroga. Nella pubblica amministrazione si accede per concorso, lo dice la Costituzione, e non chiamando direttamente gli “amici degli amici”.

untitled

E il governo del “rivoluzionario Crocetta”, in Aula, non si è opposto alle nuove clientele.

Il 4 dicembre non vi è bastato ….. eppure qualcosa i nostri “politici” avrebbero dovuto imparare..

Prima o poi … si andrà a votare

Intanto … vergognatevi

siAmo la Sicilia

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il nostro sito utilizza i cookies per offrire la migliore esperienza di navigazione

Utilizzando il presente sito web l'utente accetta questo uso di cookie.